venerdì 29 settembre 2017

Turiste USA con polizza anti violenza: di 200 denunce, il 90% (180) sono inventate


Turiste Usa in Italia con polizza anti-violenza: 200 denunce l’anno, il 90% sono inventate


NEW YORK Non esiste una polizza assicurativa specifica contro lo stupro: né per un cittadino americano in patria, né per chi viaggia all’estero. Esistono polizze che assicurano sui danni provocati da violenza (rapine, scippi, omicidi, infortuni vari) sia in patria che all’estero. E le ragazze di Firenze ne avevano una di questo tipo, stipulata dal college con cui sono arrivate in Italia. Ci sono comunque delle cifre che fanno riflettere: ogni anno, solo a Firenze, vengono presentate da ragazze americane dalle 150 alle 200 denunce per stupro. di queste il 90% risulta completamente inventate.

Gli studenti americani che partono a frotte ogni anno per un semestre di studi all’estero hanno la scelta, come ogni viaggiatore, di acquistare appunto una assicurazione temporanea contro gli infortuni. Le università statunitensi raccomandano vivamente l’acquisto, e i genitori sono ben felici di sapere che i loro figli saranno protetti, a dispetto delle differenti normative locali. «I contratti sono generici, molto meno articolati di una polizza sulla salute che viene offerta negli Usa ci ha detto Ashley McCornick, responsabile della Cultural Insurance Services International, un’agenzia che fa da ombrello per queste speciali polizze a molte società di assicurazioni statunitensi. Nessuna polizza contempla in modo specifico la violenza sessuale. In tema di sesso, è molto più frequente vedere clausole che declinano la copertura assicurativa in caso di contagio di una malattia trasmessa durante un rapporto. Una disposizione questa che tende a scoraggiare il turismo sessuale».

IL VENDITORE
Per Dominick Serrano, venditore della polizza Geo Blue che accompagna molti degli studenti della New York University in visita a Firenze «un caso come quello delle due vittime fiorentine rientrerebbe nell’ipotesi generale di infortunio, e le spese sostenute verrebbero rimborsate al 100%».
L’idea di una assicurazione contro lo stupro è stata discussa seriamente dal parlamento in India nel 1999, ma la proposta è stata affossata dalle critiche del movimento femminista che la considerava colpevolizzante per le donne e per gli uomini che avrebbero dovuto accettare l’identità di vittime predestinate, e pagare il costo monetario relativo a tale etichetta. Breve vita ha avuto anche l’idea dell’australiana CGU, che in Sud Africa aveva iniziato ad offrire la polizza Rape Survival per garantire l’accesso ai medicinali nel caso di sieropositività di una persona che aveva subito violenza.

LE PROMESSE
La società ha scoperto di non essere in grado di mantenere la promessa in una società nella quale una donna su quattro sperimenta lo stupro, e dove il 25% della popolazione è portatore del HIV. Il rischio che alcuni tra i 320.000 studenti possano essere vittime di stupro mentre sono all’estero è ben conosciuto dai college e dalle università americane. L’ipotesi è discussa apertamente nei siti web delle scuole, e dai consulenti chiamati ad orientare gli allievi nel campo minato della crescita sessuale. Non esistono «paesi a rischio», almeno nella cinta europea, e soprattutto non esistono dati affidabili, in Europa come nel resto del mondo. Le denunce di violenze da parte delle vittime sono il 16% di quelle perpetrate, secondo le proiezioni elaborate dall’Onu.

Nuova Zelanda: l'infanticidio è diverso da assassinio (per le madri)

venerdì 25 agosto 2017

Il tramonto del Padre è il tramonto dell'Occidente


Sicuramente i padri, quelli separati, assistono con un certo disincanto a quanto sta avvenendo sul fronte immigrazione e jus soli.
Da più parti, dalla politica, alle ONG, allo stesso Vaticano è tutto un fermento di difese: difese dei diritti, difesa della legalità, difesa della Nazione, difesa delle persone, difesa degli Italiani, difesa dello straniero, delle donne e dei bambini vittime della guerra e della persecuzione, jus soli e jus culturae.

I padri italiani, vittime delle prassi delle ingiuste separazioni coniugali, assistono con disincanto nel vedere un film già visto, un déja vu, per intenderci quello fatto di titoloni sulle testate giornalistiche dove molti sedicenti benefattori corrono "in aiuto di", "in difesa di", aiuto fatto sulla carta di buone intenzioni e declinato nel modo più miserevole. Il déja vu  del business dell'aiuto.

La febbre dell'aiuto sembra il leitmotiv del tempo attuale, che ha sostituito la febbre dell'oro.
Salvo constatare che poi è la stessa cosa.

Le ONG umanitarie in aiuto dei gommoni, le cooperative in aiuto dei migranti, la Caritas in aiuto degli sbarcati, le Amministrazioni Comunali consenzienti in aiuto dei rifugiati, lo stato in aiuto economico delle organizzazioni in aiuto dei rifugiati. Salvo poi constatare che tutto questo fermento, tutto questa dedizione alla difesa del debole è ben remunerata, ha i suoi vantaggi e, "sorprendentemente" non consegue gli esiti desiderati.





Vantaggi assicurati per chi gestisce il soccorso umanitario: COOP, Caritas, ONG, centro di accoglinza. Salvo poi constatare che, dietro l'aiuto, si nasconde la truffa, il falso e i maltrattamenti, magari a danno degli stessi soggetti che si intendeva aiutare. Senza parlare dei problemi di convivenza e di legalità (vedere i fatti di Roma nello sgombero dei rifugiati a Piazza indipendenza)




Salvo poi entrare in un giro vizioso. Con l' "accoglienza ad ogni costo" si incentiva l'immigrazione (volontaria e imposta dagli "scafisti"), con l'immigrazione si incentivano i trasferimenti in denaro dello Stato e il gioco è fatto. Il business dell'accoglienza, alcuni giornali lo hanno titolato. 

Alcuni vedono più in là e scorgono, nei fenomeni immigratori voluti e finanziati, nell'accoglienza ad ogni costo, un chiaro esempio di decadenza della società.

Ida Magli scriveva:

"Ogni sistema culturale integra comportamenti estranei soltanto se questi non sono in contraddizione con il modello di base, se non ne alterano la «forma» significativa".

"Ogni modello culturale possiede una forma, ...., e rigetta perciò gli elementi estranei non compatibili, in analogia con il sistema immunitario di sorveglianza e di identificazione con il quale li rigetta l'organismo biologico. Non appena, quindi, viene meno la reazione di rigetto e il sistema comincia a lasciarsi invadere da elementi appartenenti a sistemi diversi, inizia il suo itinerario verso l'estinzione e manda il tipico segnale che l'antropologo percepisce come «etnologico»: segnale di pseudovita, di «vita morta».



In ambito di diritto familiare, sembra di aver assistito a un fenomeno simile, anche qui basato sul business dell'aiuto. Gli assistenti sociali in aiuto dei bambini (presunti) maltrattati, gli avvocati familiaristi in aiuto delle madri (presunte) vittime di violenza, le Amministrazioni in aiuto, economico e legale, delle donne (presunte) vittime di violenza, lo Stato in aiuto dei centri di accoglienza delle donne vittime di violenza (presunta), i tribunali che "mettono il minore al centro", le case famiglie desiderose di aiutare i minori messi "al centro", e poi la schiera di psicologhette e di educatori che, biro e notes, fanno colloqui, aiutano, aiutano, stendono perizie per i tribunali, formulando evanescenti valutazioni  sulle "capacità genitoriali" dei padri italiani.
Una danza macabra con al centro i nostri figli.




Salvo poi constatare che i padri accusati delle più sperticate nefandezze non sono tali, che nella maggior parte dei casi le accuse si rivelano infondate (fenomeno quasi internazione che ha pure l'hastag: #falseallegation) e poi tutti a piangere lacrime di coccodrillo e a stracciarsi le vesti perchè, dopo aver forzatamente privato i nostri figli della figura paterna,  "a rimetterci sono sempre i minori, i bambini i più deboli".




 Ormai c'è stato il lavaggio del cervello.

Il provvedimento sul femminicidio è ottimo esempio anticostituzionale e sessista. Il crimine non ha sesso né posizione geografica. La violenza è violenza, sia se è un uomo a praticarla su una donna sia viceversa. E' un errore fare leggi inseguendo la psicologia popolare e l'ondata mediatica del crimine, nella speranza di prendere voti o di avere ragione. Ma le vittime maschi non esistono per i Boldriniani.  Un capolavoro di "fake news" a cui tutti si sono inchinati in perenne adorazione. Anche le prolusioni inamidate del card. Bagnasco indicavano come "emergenze" il femminicidio.

Dei padri italiani, di quelli "biologici", della "vis", della paternità, dell'autorevolezza paterna è stato sistematicamente coltivato il disprezzo, con la pretesa di "mettere il minore al centro",  così come si sta coltivano il disprezzo della società occidentale sotto le mentite spoglie dell'"accoglienza".
Un tempo le femministe sfilavano per le strade "contro la società patriarcale". Oggi quelle sfilate si sono trasformate "contro la società omofoba e patriarcale". E le similitudini tra il disprezzo della "vis" e il disprezzo nutrito verso il mondo Occidentale con i  principi di legalità, non si fermano qui.


E' una similitudine che diventa non solo formale, non solo fatto di parole, ma , secondo la Ida Magli, sostanziale.
Perchè per la Magli, la "vis" è la sostanza della società occidentale. Scrive in "Il tramonto dell'Occidente".

"Questo che manca all'Europa: l'aspirazione a un futuro. Manca perché la maggior parte dei suoi tratti culturali è esaurita. Manca perché una società priva di vis, dove non si sa più che cosa sia la «virilità», la potenza della virilità, e addirittura la si disprezza, non possiede più alcuna spinta aggressiva verso l'esterno e anzi si trova in stato di passività e di soggezione. Manca perché i suoi leader, governanti, clero, giornalisti l'hanno spinta e la spingono ogni giorno a perdere le proprie caratteristiche per unificarla e omologarla al resto del mondo. Laddove tutti sono «uguali» (o vengono costretti a sembrare uguali) la passività dei sudditi è assicurata, ma è assicurata anche l'assoluta debolezza della società."


Con un atto di orgoglio il Meeting di Rimini titola, come il Faus di Goethe: Quello che tu erediti dai tuoi padri, riguadagnatelo, per possederlo coniugando, pericolosamente per i tempi odierni, l'immagine del padre (oggi blasfema) con l'eredità del passato.

Scrive la Magli, senza essere troppo politically correct e usando frequentemente il maschile:

L’ostinata opera di disprezzo, dell’odio e del tradimento da parte dei governanti è cominciata da lì, dallo sforzo per negare la grandezza e la bellezza di questi fattori eccezionali. Prima di tutto negando ostentatamente ogni valore ai fondatori di Roma e padri degli Italiani, malgrado l’evidente assurdità dell’impresa. Sì è cercato di calpestarne il genio giuridico..di passar sopra la grandezza della lingua latina..di far dimenticare la capacità ingegneristica dei Romani, rimasta tuttora ineguagliata, e si è parlato con disprezzo della saggezza di governo dell’Impero più grande che sia mai esistito, saggezza che uno dei maggiori storici della romanità, Pierre Grimal, ha definito come il primo Umanesimo che sia apparso nella storia del mondo

"L'Europa è diventata «femmina». Tutte le caratteristiche sociali e culturali dei «bianchi», quelle che erano implicite nella definizione stessa di «bianchi» come conquistatori, ma anche come portatori della civiltà più ricca e sviluppata in ogni campo, sono sparite. Certo, l'Europa appare ancora molto ricca in confronto all'Africa o all'India, ma si tratta di pura ricchezza materiale, una ricchezza che del resto si va anch'essa esaurendo rapidamente.
È sparita però la forza della società fondata sulla famiglia, sull'autorità del padre e dei maschi in generale, su una desiderata procreazione, sulla solidarietà dei legami di parentela. È sparito l'amore per la Patria, l'orgoglio per il patrimonio inestimabile del diritto, della letteratura, dell'arte, della musica, che caratterizza la storia d'Europa"

Probabilmente non viviamo nell'epoca della diffesa della verità. Anche il potere spirituale del Vaticano, più terzomondista che "cristiano" ha perso dignità. Sempre pieno di belle parole, che non rivoltano le coscienze. "Accompagnare, includere, discernere, accogliere, nuove sfide", per non parlare ancora di "ascolto, comprensione", "chi sono io per giudicare" e poi il capolavoro sulle labbra i tutti/e: l'Ammore. L'Ammore, l'Adonna, l'Ammadre.

Come diceva Montanelli, in italia ogni discussione va a finire in retorica, "inguaribile vizio italiano".


mercoledì 2 agosto 2017

#femminicidio: dati a senso unico

Tutte in vacanza le Cassandre? In questo torrido giugno sembra che tacciano i cori della denigrazione antimaschile,  quelli secondo i quali la violenza dell’uomo sarebbe una tara culturale da cui nessuno è escluso.
Latitano le narrazioni gender oriented che hanno imperversato negli ultimi anni, per capirci: la mattanza rosa, una donna uccisa ogni due giorni, ogni donna fra 16 e 70 anni ha subito almeno una violenza nella vita, l’orco ha le chiavi di casa, ogni donna è a rischio violenza sul posto di lavoro, in strada, in casa, a scuola, etc.
La donna è vittima per definizione, l’uomo è carnefice per DNA, punto.
L’ha spiegato in sintesi il Re dell’ovvietà antimaschile, Oliviero Toscani.
La violenza a ruoli invertiti non esiste, e se esiste è legittimata. Non si deve ammettere che possano esistere anche donne violente, e quando non è possibile negare l’evidenza salta fuori che in fondo fanno bene perché dopo tanto subire qualche uomo ammazzato non guasta.
Non è uno scherzo, sui social la violenza femminile viene applaudita, incoraggiata, addirittura esaltata.
I media, bovinamente asserviti all’ideologia di genere, accendono prontamente i riflettori su ogni vittima femminile di violenza e stalking,  ma sono costantemente distratti quando la vittima è un uomo.
Ovvio, logica conseguenza di uno strisciante diktat istituzionale, da Grasso alla Boldrini, da Mattarella (e prima ancora Napolitano) alla Fedeli si celebra la vittima dell’acido  Lucia Annibali e si snobba la vittima dell’acido William Pezzulo, anche se William ha riportato danni enormemente più gravi di Lucia.
Perché notiamo l’assordante silenzio di giugno?
Perché in questo mese la controinformazione, quella cioè non piegata al vento prevalente, registra diversi casi che – a ruoli invertiti – avrebbero saturato le pagine dei giornali, i palinsesti televisivi, il dibattito politico.      
Giugno si chiude con una notizia allo stesso tempo drammatica e curiosa
Picchia il marito da anni, allontanata
Ma le strutture protezione, pensate per donne, non accolgono l'uomo
Redazione ANSA GENOVA
30 giugno 2017   17:05
Per anni ha subito botte e insulti tanto da finire almeno due volte in ospedale con mascella e denti rotti. Vittima un uomo la cui moglie ha picchiato e umiliato per anni, anche davanti alla figlia di 7 anni, e che per questo è stata allontanata da casa. (…)
La vittima maschile non può contare su alcuna forma di accoglienza poiché, come scriviamo da anni, tutto il welfare è pensato, strutturato e finanziato esclusivamente in funzione del genere femminile. Perché prevedere un minimo di supporto anche alle vittime maschili, se le vittime maschili non esistono?
Comunque la cronaca di giugno non si ferma a percosse, lesioni, maltrattamenti e violenza assistita, registra anche casi estremamente più gravi.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Così, tanto per citare alcuni dei casi che chi studia il fenomeno della violenza a 360°, quindi anche femminile, riesce a scovare online.
Perché la stranezza di fondo è questa: le vittime maschili te le devi andare a cercare con meticolosità, non hanno mai la stessa eco delle vittime femminili. 
I lanci ANSA ci sono, perché non vengono ripresi da Repubblica, Corsera, La Stampa e poi da TG Uno, TG 5, TG La7 e tutti i network nazionali?
Perché le notizie con vittime maschili sono non-notizie?
Ho archiviato 2141 google alert (duemilacentoquarantuno) sul processo che a Rimini vede come parte  lesa Gessica Notaro, la donna sfregiata dall’ex Edson Tavares.
In assenza di femminicidi, stupri e violenze del branco, qualcosa contro il maschile bisognava pur trovare. 
Ma nessuno spazio sulle testate nazionali a cinque uomini uccisi da donne, una donna che ha ammazzato la madre, qualche infanticidio, e poi pestaggi, evasioni, stalking (parecchi) e gli immancabili maltrattamenti ai bambini dell’asilo.
Meglio non scrivere niente, è estate, fa caldo, tutti in spiaggia
Con la testa sotto la sabbia.
Ps
C’è un altro caso che merita attenzione, se non altro per monitorarne gli sviluppi.
In ogni caso, si tratta del sesto uomo ucciso a giugno da una donna, resta da capire se si tratta di omicidio preterintenzionale o volontario.
 

ISTAT ammette: flop dell'affido condiviso

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?

Linee sul Condiviso nei tribunali, si aggiunge Salerno. ISTAT ammette il flop: chi lo dice ad AIAF?



L’ISTAT pubblica un’analisi dei dati emergenti dalla giurisprudenza 2005/2015, ed ammette la sostanziale disapplicazione dell’affido condiviso: (…) In altri termini, al di là dell’assegnazione formale dell’affido condiviso, che il giudice è tenuto a effettuare in via prioritaria rispetto all’affidamento esclusivo, per tutti gli altri aspetti considerati in cui si lascia discrezionalità ai giudici la legge non ha trovato effettiva applicazione (…)”
Buongiorno, ben svegliati ! Fa piacere leggerlo in un documento ISTAT del 2016, ma è impossibile non ricordare che lo scriviamo da oltre 10 anni, lo dimostriamo nei convegni, nei seminari di studio, nei master universitari e nei corsi di formazione, abbiamo depositato in Parlamento corposa documentazione probatoria.
Noi, non altri, abbiamo effettuato studi e ricerche che dimostrano le dinamiche di deroga del condiviso, abbiamo raccolto il dossier sulla modulistica in uso nei tribunali dopo il 2006, abbiamo condotto l’inchiesta sulle false accuse, abbiamo effettuato un monitoraggio dei tempi di permanenza della prole presso i genitori, abbiamo dimostrato la replica del modello di affido esclusivo anche nelle sentenze che formalmente recano la dicitura affido condiviso.
Quindi ciò che rileva  il rapporto ISTAT non è per Adiantum una sorpresa, si tratta sostanzialmente della conferma di tendenze negative che avevamo iniziato ad analizzare - e segnalare - fin dal 2007, già dopo il primo anno di monitoraggio della legge 54/06.
Per un lungo periodo siamo rimasti l’unica voce fuori dal coro, un coro fatto di superficiali sostenitori della teoria “falso allarme, tutto perfetto, la riforma è largamente applicata”.
Con l’AIAF in testa, va detto.
Oggi la nostra dimostrazione di un’applicazione anomala, formale ma svuotata di contenuti, viene riconosciuta da associazioni forensi, giudici, Consiglio d’Europa, MIUR e persino dall’ISTAT; pertanto rivendichiamo con forza il ruolo di leader nell’analisi critica della disapplicazione della 54/06. 
Ora, pur senza rivoluzionare nulla, si tenta di portare dei correttivi ad un sistema discutibile che ha per anni aggirato la riforma del 2006 con prassi applicative deviate.
Il tribunale di Brindisi vara delle linee guida per ribadire il dettato del legislatore, ma incontra l’indignazione dell’AIAF – si, ancora loro – che giudica disastrosa l’iniziativa pugliese e protesta perfino presso Ministero e Cassazione, parlando testualmente di Costituzione calpestata e negazione sistematica del diritto.  
Addirittura, aggiungerei.
All’AIAF andava bene l’aggiramento della norma perpetrato ininterrottamente per undici anni? Evidentemente loro preferivano la dicitura condiviso applicata a misure che replicano il modello di affido esclusivo, nel luglio 2011 sostenevano che “(…)  l’affidamento condiviso dei figli introdotto con la legge 54/2006 è stato in questi anni ampiamente applicato (…)” (documento AIAF depositato in audizione alla Commissione Giustizia del Senato).
Poi li smentisce clamorosamente lo stesso istituto di statistica, che ammette  “la legge non ha trovato effettiva applicazione”.  
L’aggressività AIAF nello stroncare le linee guida di Brindisi resta una voce isolata, qualcuno (v. UNCM) le critica blandamente senza toccare i vertici di indignata veemenza raggiunti da Sartori & C.
Altri invece stroncano le teorie AIAF (v. ANFI, Associazione Nazionale Familiaristi Italiani -
e/o si accodano all’iniziativa di Brindisi, (v. dr. Giorgio Jachia, tribunale di Salerno - http://www.ilcaso.it/articoli/fmi.php?id_cont=944.php )
arricchendola con robuste argomentazioni giuridiche a supporto.
Ora chi lo dice all’AIAF?  
Sarebbe interessante sapere cosa pensa l’ufficio legislativo del Ministro Orlando.
 
FN

Fonte: ADIANTUM http://www.adiantum.it/public/3792-linee-sul-condiviso-nei-tribunali,-si-aggiunge-salerno.-istat-ammette-il-flop--chi-lo-dice-ad-aiaf-.asp

mercoledì 26 luglio 2017

Separazioni: 200 suicidi all'anno

Separazioni: il suicidio silenzioso dei papà che non vedono i figli

Separazioni: il suicidio silenzioso dei papà che non vedono i figli


La Pas, sindrome di alienazione parentale, è ancora lontana dall’essere ricompresa tra le malattie ufficiali: eppure i dati parlano di 200 suicidi all’anno di papà separati.
Si parla tanto di femminicidio ma a volte si dimentica che il crimine può avere un senso inverso e la violenza può provenire dalla donna. Se è vero che, solo nel 2016 sono stati 110 gli omicidi di donne ad opera del marito, convivente o dell’ex, è anche vero che altrettanti sono stati i suicidi dei padri allontanati dai loro figli per mano delle ex mogli. Un crimine che si ripete quotidianamente quello dell’alienazione del papà agli occhi dei bambini: la madre – presso cui i minori vanno a vivere – inizia un’opera di denigrazione e di demolizione della figura paterna fino a determinare un vero e proprio rifiuto del bambino di vedere il genitore. Situazioni, queste ultime, che hanno poi visto le madri, in alcune situazioni, perdere l’affidamento condiviso.
Di tanto si è parlato alla Camera dei Deputati lo scorso 20 luglio nel corso del Convegno sugli illeciti endofamiliari organizzato dalla associazione «Nessuno tocchi papà» e dall’avvocato Walter Buscema.
È intervenuto al dibattito l’onorevole Tancredi Turco il quale ha fornito una statistica allarmante. Circa 200 papà ogni anno si suicidano perché allontanati dai figli. Sono mille i suicidi in tutta Europa. Il suicidio di un papà è la risposta a una violenza subita dalla donna. Perché si parla tanto di femminicidio e non di patricidio? Perché i media sono così concentrati sulla tutela della figura femminile e ignorano che il crimine può avvenire anche nel senso inverso? «Quello dei suicidi dei padri separati è un dramma sottovalutato dai media – ci riferisce l’onorevole Turco – si parla di 200 suicidi ogni anno solo in Italia e 2000 in Europa, nella stragrande maggioranza dei casi nell’indifferenza generale. Secondo le statistiche sono 4.000 i suicidi in Italia ogni anno e tra questi, appunto, 200 quelli conseguenti ad una separazione e al conseguente allontanamento dai figli. I dati sono stati riportati in alcuni articoli di giornali che a loro volta riportano in particolare gli studi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)».
I giudici europei hanno più volte bacchettato l’Italia perché non garantisce il rispetto dei diritti di visita dei minori ai padri separati. «Il problema principale in Italia – continua il deputato – è la mancanza di norme che tutelino i diritti di visita, di educazione e di un normale rapporto dei genitori separati con i figli minori. L’unico rimedio concreto è quello di una denuncia per inottemperanza di ordine del giudice (art. 388 c.p.), ma nella realtà queste denunce quasi mai portano ad una soluzione concreta».
Qualcuno la chiama Pas, sindrome di alienazione parentale, ma sull’esistenza di una patologia clinicamente accertabile si discute ancora molto. I tribunali però si sono già accorti del grave fenomeno rispondendo con l’allontanamento dei minori dalla madre tiranna.

Fonte:
https://www.laleggepertutti.it/169198_separazioni-il-suicidio-silenzioso-dei-papa-che-non-vedono-i-figli